• dr Richard

COS’E’ LA SCOPOFOBIA



Hai mai sentito parlare di scopofobia?

Se hai cliccato su questa pagina forse sì, o magari sei solo curioso.


Ti stai chiedendo se ce l’hai anche tu?


A molti credo faccia venire in mente la paura di … fare sesso. La cosa sarebbe molto grave, soprattutto per le persone giovani, perché il sesso ed ancora più l’atto d’amore, ha una marea di funzioni e dà benefici per la salute psichica e fisica di ognuno di noi: fa perdere peso, riduce le malattie cardiache, migliora le prestazioni cognitive… Tuttavia, la paura di fare sesso, quella è la sessuofobia.


La scopofobia è una fobia, ossia una paura, fin qui credo sia pacifico per tutti, ma paura di cosa?


Di essere osservato. Spero tu non sia rimasto deluso, ma è una cosa che può far soffrire molto le persone. Sì, perché se hai questa cosa e vai a vedere sul dizionario troverai:


paura di attirare l’attenzione,

parlare in pubblico,

essere osservato,

essere guardato…


I malpensanti allora subito crederanno che l’origine di questa paura stia nella falsità, nel voler nascondere chissà che, nell’essere una persona subdola e quindi pericolosa, invece…

Invece chi pensa così è completamente fuori strada perché la scopofobia si struttura da un trauma. (Già, il caro vecchio trauma di cui siamo spesso abituati a sentir parlare e che ci fa venire in mente Freud).


Di che tipo di trauma parlo? Eh, bella domanda, sicuramente qualcosa che ha spaventato molto e può essere piuttosto recente, ma anche antico. Esempi che mi vengono in mente possono essere: bullismo, esposizione a scene violente, esperienze vissute come pericolose…


I sintomi?


ansia

senso di perdita del controllo

strategie di evitamento delle situazioni ansiose (gente, luoghi pubblici, situazioni sociali in generale…)

panico…


Attenzione però, la scopofobia è ben definita, non pensare di averla o di riconoscerla in qualcuno solo perché è riservato, o timido, o introverso. Infatti ci possono essere anche correlazioni dirette con l’epilessia e condizioni neurologiche gravi. Attenzione quindi a fare autodiagnosi o etichettare il tuo vicino, potresti prendere grosse cantonate, piuttosto è importante che tu sia informato per poter rivolgerti ad uno specialista che sappia riconoscerla e curarla.


La cura?


Certo che esiste, nessuno al mondo è spacciato. Essendo però legata al nostro cervello e sentimenti, la terapia non solo di elezione, ma in questo caso di soluzione, è la psicoterapia.


Perché la psicoterapia?


Perché potrà individuare le giuste cause e riconoscere il modo migliore per affrontare le parti utili che generano la sofferenza della persona senza aprire altre finestre che magari non hanno un’incidenza così importante nel presente e futuro della persona.


#scopofobia #fobia #paura #trauma

www.psicologia-semplice.it

dr.richard@psicologia-semplice.it

 

<script data-ad-client="ca-pub-8733685403879642" async src="https://pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js"></script>